3519195708
info@nccautoservizisiracusa.it
au

twitter

facebook

instagram
Via R. Corallo, 9, 96100 Siracusa

N.C.C. Autoservizi Taxi Siracusa di Sandro Rubino

info@nccautoservizisiracusa.it
3519195708

Servizio Taxi e Noleggio Con Conducente, Servizi Transfer da per Aeroporti Porti Stazioni Hotel e Città, Tour, Meeting, Auto e Mini-Van 8/9 Posti

noleggio-auto-con-autista-cover_5

Contattami su WhatsApp

Cell. +39 351 919 5708

Taxi Siracusa Servizi Transfer e Tour da Siracusa

Cell. +39 360 408 513

info@nccautoservizisiracusa.it

Transfer Aeroportuali, specializzati da per Lo scalo aeroportuale di Catania Fontanarossa

aeroporto-catania-fontanarossa-3

Servizi da e per Aeroporti Ncc Autoservizi Siracusa è un servizio elegante di classe riservato  per trasformare il tuo viaggio da o per l’Aeroporto di Catania Fontanarossa in un ottimo relax e serenità, per darti la possibilità di vivere l’emozione del tuo viaggio con lo stile che contraddistingue la tua classe. NCC Autoservizi Siracusa, gestisce e organizza il servizio di NCC ( noleggio con conducente) anche da e per l’ Aeroporto Comiso, Palermo e Trapani a tariffe certe e con la massima puntualità. Oppure possiamo attendere te o un tuo cliente nella zona Arrivi, all’interno dell’Aeroporto, con un cartello recante il Nome/Società per portarti immediatamente, senza perdite di tempo, alla tua meta prestabilita. È possibile affidare alla nostra società la gestione di interi piani di spostamento, organizzati ad doc per te e per i tuoi clienti. Il servizio transfer può comprendere lo spostamento dagli aeroporti/stazioni, agli alberghi, fino ai luoghi di incontro o di eventi come festival, congressi, concerti.

Transfer Portuali "Crociere" Palermo, Pozzallo, Catania, Messina,

Il porto di Palermo è considerato uno dei più importanti porti del Mediterraneo, sia per quanto riguarda il traffico passeggeri sia per il traffico merci. Ad oggi risulta infatti il settimo scalo nazionale nel settore crociere e il primo della Sicilia; il settore crocieristico/turistico infatti è in forte espansione, basti pensare che i dati di afflusso risultano ogni anno in forte aumento. Per questo motivo è stato approvato un nuovo piano regolatore portuale che porterà ad un forte sviluppo del porto entro i prossimi dieci anni, dando la precedenza proprio al settore crocieristico/turistico.

162308087-60f7d697-cda5-472a-9ed4-6591394f1815

Servizi per Aziende

Il nostro servizio di Noleggio con Conducente è rivolto alle aziende che intendono mettere a disposizione del proprio personale (o dei propri clienti) una vettura con autista per accompagnarli nei loro trasferimenti, offrendo loro il massimo della sicurezza e del comfort, e garantendo sempre affidabilità e puntualità nel servizio. Proponiamo inoltre servizi di noleggio auto con autista per occasioni particolari come fiere, convention, meeting, congressi o altri eventi, in cui curiamo gli aspetti logistici relativi al trasporto di diverse persone dalla sede aziendale, dall’aeroporto, dall’hotel alla location indicata e viceversa. Il nostro servizio di noleggio con conducente è disponibile 24h/24, 365 giorni all’anno, soddisfacendo le vostre esigenze di trasporto tutti i giorni dell’anno, festivi compresi. PERCHE UN NCC PER LA TUA AZIENDA? Viaggiate in totale sicurezza con auto nuove, regolarmente controllate e assicurate con massimali top della categoria condotte da professionisti. Mai più perdite di tempo in aeroporto per aspettare il taxi, prenotando il pick-up troverete l’autista ad attendervi, pronto a portarvi a destinazione. Nel caso di convenzioni riceverete fattura mensile riepilogativa, riportante per ogni servizio effettuato la data, il percorso e il nome dell’utilizzatore, per una massima trasparenza. Tutto ciò si può riassumere in qualità nell’ autonoleggio con conducente.

ncc_aeroporti_puglia

Servizi per Matrimoni

noleggio-mercedes-classe-e-new-matrimonio-napoli-2

Esclusiva raffinatezza.

NCC Autoservizi si offre per impreziosire il giorno più romantico con un servizio di noleggi con conducente esclusivo e raffinato. Dall'incontro con la sposa, per tutto il tempo necessario, vi regaliamo la certezza di avere a disposizione un servizio impeccabile. Contattaci per un preventivo gratuito o per qualsiasi informazione.  

Un giorno indimenticabile, un servizio unico 

A Siracusa ed in Sicilia: per il giorno indimetnicabile del matrimonio, la cura dei piccoli dettagli è fondamentale. SiracusaTaxi offre un servizio di noleggio con conducente per cerimonie attento e particolare, per trasformare in realtà il sogno di un matrimonio magnifico.

Oltre alla sposa, possiamo gestire i trasferimento di ospiti, amici e parenti, con la nostra flotta speciale di eleganti Van e Pulmini.

La cura dei dettagli.

Dal nastro con il fiocco per l'auto, e Composizione Floreali, alla discesa, i nostri autisti professionisti con il supporto dello staff avranno cura dei vostei dettagli per un servizio personalizzato. I nostri autisti saranno ad attendere la sposa all'appuntamento prefissato, per accompagnarla nel luogo dove si svolgerà il rito a bordo delle nostre raffinate Mercedes di alta gamma.

Escursioni sul'Etna

L'Etna (Mungibeddu o 'a Muntagna in siciliano) è un complesso vulcanico siciliano originatosi nel Quaternario e rappresenta il vulcano attivo terrestrepiù alto della Placca euroasiatica. Le sue frequenti eruzioni nel corso della storia hanno modificato, a volte anche profondamente, il paesaggio circostante, arrivando più volte a minacciare le popolazioni che nei millenni si sono insediate intorno ad esso Il 21 giugno 2013 la XXXVII sessione del Comitato UNESCO, riunitasi a Phnom Penh in Cambogia, ha inserito il Monte Etna nell'elenco dei beni costituenti il Patrimonio dell'umanità.

etna-in-eruzione

Escursioni Taormina

È uno dei centri turistici internazionali di maggiore rilievo della regione siciliana, conosciuta per il suo paesaggio naturale, le bellezze marine e i suoi monumenti storici. È situata su una collina a 206 m di altezza sul livello del mare, sospesa tra rocce e mare, su un terrazzo del monte Tauro, in uno scenario di bellezze naturali, unico per varietà e contrasti, sulle pendici meridionali dei monti Peloritani della riviera ionica con l'Etna sullo sfondo.Il clima è dolcemente mite.In base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +11,0 °C; quella del mese più caldo, agosto, è di +26,6 °C

taormina-piazza-ix-aprile

Escursione Valle dell'Alcatara

valle_dellalcantara

Le Gole dell'Alcantara, dette anche "Gole di Larderia" , sono situate nella Valle dell'Alcantara in Sicilia dove termina la catena montuosa dei Peloritani tra i comuni di Castiglione di Sicilia e di Motta Camastra. Sono delle gole alte fino a 25 metri e larghe nei punti più stretti 2 metri e nei punti più larghi 4-5 metri; il canyon naturale, a differenza di quanto comunemente si pensa, non è stato scavato nel corso di migliaia di anni dall'acqua. L'ipotesi più accreditata è legata ad eventi sismici che, con un movimenti sussultorio-tettonici fecero letteralmente spaccare in due vecchi laghi basaltici formatisi dalla fuoriuscita di magma dalle fessurazioni, vecchie di 300.000 anni, dei basamenti pre-etnei, consentendo all'acqua del fiume di insinuarsi al suo interno. Questo fenomeno è evidenziato dal fatto che la struttura delle pareti (simile in alcuni punti a "cataste di legna" ed in altri a "colonne d'organo") è intatta e spigolosa.

Escursioni ad Agrigento

Fondata intorno al 580 a.C., Agrigento vanta un territorio in cui si insediarono i vari popoli che lasciarono traccia nell'isola. Già sede di popoli indigeni che mantenevano rapporti commerciali con egei e micenei, il territorio agrigentino vide sorgere la polis di Akragas (Ἀκράγας), fondata da geloi di origine rodio-cretese.Raggiunse il massimo splendore nel V secolo a.C., prima del declino avviato dal dominio cartaginese. Nel corso delle guerre puniche venne conquistata dai Romani, che latinizzarono il nome in Agrigentum.Successivamente cadde sotto il dominio Arabo, con il nome di Kerkent, e nel 1089 d.c. fu conquistata dai Normanni.Fino al 1853 il suo territorio comprendeva anche l'odierno comune di Porto Empedocle.È nota come Città dei templi per la sua distesa di templi dorici dell'antica città greca posti nella cosiddetta valle dei Templi, inserita, nel 1997, tra i patrimoni dell'umanità dall'UNESCO.

valle-dei-templi-agrigento

Escursioni a Noto

noto_-_vista_panoramica

Noto dista 31 km da Siracusa ed è situata nella parte sud-ovest della provincia ai piedi dei monti Iblei. La sua costa, fra Avola e Pachino, dà il nome all'omonimo golfo. Con i suoi 550,86 km² di superficie, il comune di Noto occupa oltre un quarto della Provincia di Siracusa ed è il più grande comune della Sicilia e il quarto d'Italia. Il territorio è, per la maggior parte, collinare. Le montagne, a nord, appartengono alla catena dei monti Iblei. Nella costa, bassa e sabbiosa nella totalità, a parte brevissimi tratti frastagliati, sono situate le pianure. Probabilmente di origine alluvionale, la piana di San Paolo, nell'entroterra, è la più vasta pianura del territorio, nonché la più intensamente coltivata. Noto confina a sud con Pachino, ad nord-est con Avola e Siracusa, a nord con Palazzolo, a nord-ovest con Modica, a ovest con Ispica. Fa parte del comune di Noto anche una enclave contigua all'abitato di Rosolini nota come contrada Cipolla. L'aspetto dell'agro netino è caratterizzato in prevalenza dalla macchia mediterranea, e dagli uliveti e mandorleti in zona collinare, dai vasti agrumeti e vigneti nella piana di San Paolo, mentre in montagna, ampi pascoli si alternano a tracce di macchia mediterranea, con secolari lauri, querce, frassini e lecci. La conformazione del territorio ha permesso un più ampio sviluppo dell'agricoltura a sud e dell'allevamento a nord.

Escursioni a Ragusa

ibla

Ragusa (Raùsa in siciliano) è un comune italiano di 73 313 abitanti, capofila del Libero consorzio comunale di Ragusa in Sicilia; è stata il capoluogo della soppressa Provincia di Ragusa. È il settimo comune della regione per popolazione e il terzo[5] per superficie. La casa comunale sorge a 502 m s.l.m. È il capoluogo più meridionale d'Italia. Essa è chiamata la "città dei ponti", per la presenza di tre strutture molto pittoresche e di valore storico, ma è stata definita anche da letterati, artisti ed economisti come "l'isola nell'isola" o "l'altra Sicilia", grazie alla sua storia e ad un contesto socio-economico molto diverso dal resto dell'isola. Nel 1693 un devastante terremoto causò la distruzione quasi totale dell'intera città, mietendo più di cinquemila vittime. La ricostruzione, avvenuta nel XVIII secolo, la divise in due grandi quartieri: da una parte Ragusa superiore, situata sull'altopiano, dall'altra Ragusa Ibla, sorta dalle rovine dell'antica città e ricostruita secondo l'antico impianto medioevale. I capolavori architettonici costruiti dopo il terremoto, insieme a tutti quelli presenti nel Val di Noto, sono stati dichiarati nel 2002 Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. Ragusa è uno dei luoghi più importanti per la presenza di testimonianze d'arte barocca, come le sue chiese ed i suoi palazzi settecenteschi. Posta sulla costa sud-orientale dell'isola, Siracusa possiede una storia millenaria: la sua fondazione avvenne intorno all'anno 734-733 a.C., ad opera dei Corinzi. Annoverata tra le più vaste metropoli dell'età classica,primeggiò per potenza e ricchezza con Atene, la quale tentò invano di assoggettarla. Numerose le personalità influenti accolte al suo interno, come Platone che giungendovi per ben tre volte, cercò di instaurarvi lo Stato ideale della Repubblica.Patria di artisti, filosofi e uomini di scienza, diede i natali, tra gli altri, al celebre Archimede. Fu conquistata dall'antica Roma nel 212 a.C. Cicerone nel I secolo a.C. la descriveva ancora come la «più grande e la più bella città greca»

Escursioni a Marzamemi

piazza-principale-di

Marzamemi è una frazione marinara di cui una parte è del comune di Pachino da cui dista circa 3 km e una seconda parte è del comune di Noto da cui dista 20 km. Si trova in provincia di Siracusa.L'origine del nome Marzamemi è controversa: secondo alcuni deriverebbe dalle parole arabe marza significa ‘porto' e memi significa ‘piccolo', mentre secondo il glottologo netino Corrado Avolio il toponimo deriverebbe dall'arabo marsà ‘al hamam, cioè «baia delle tortore», per l'abbondante passo di questi uccelli in primavera. Simone Sultano, invece, rileva come alcuni lo fecero erroneamente derivare da marza e memi, ‘pidocchio', perché le mamme solevano dire questa parola ricercando i parassiti tra i capelli dei figli. Antonino Terranova, infine, nel volume “Pachum Pachynos Pachino storie e leggende da Pachino a Capopassero”, cita anche un'altra tesi, secondo la quale Memi sarebbe riferito ad “Eufemio, l'ex comandante della flotta bizantina il quale, ribellatosi all'imperatore Michele II Balbo, passò dalla parte degli arabi e con loro iniziò la conquista dell'isola; “Marza-memi” perciò significherebbe Porto di Eufemio, così come Marsala vuol dire “Porto di Alì” oppure “Porto di Allah”.

Escursioni a Vendicari

l-oasi-di-vendicari-realmente

La Riserva naturale orientata Oasi Faunistica di Vendicari è sita in provincia di Siracusa precisamente tra Noto e Marzamemi. Particolarmente importante per la presenza di pantani che fungono da luogo di sosta nella migrazione degli uccelli. Prevista da una legge della Regione Siciliana del maggio 1981, è stata ufficialmente istituita nel 1984, dopo che l'allora Ministro dell'agricoltura e delle foreste Filippo Maria Pandolfi dichiarò 1450 ettari di territorio "zona umida di importanza internazionale", secondo la Convenzione di Ramsar del 1971. È stata resa effettivamente fruibile solo nel 1989. È gestita dall'Azienda Regionale Foreste Demaniali.

Escursioni Siracusa Parco Archeologico

zona_archeologica_di_siracusa_-_veduta_aerea

Riconosciuto come la vera attrazione di Siracusa, il Parco Archeologico della Neapolis racchiude capolavori famosi sia di epoca greca che di epoca romana, testimonianze della storia millenaria della città Teatro Greco E' il monumento più famoso del parco archeologico ed è uno tra i più grandi e importanti nel mondo antico. Ha origine antiche ed esisteva già nel V sec. a.C.; sappiamo da fonti letterarie che Eschilo mise in scena "Le Etnee" nel 476 a.C. La sua forma attuale, però, è riferibile a un progetto unitario, realizzato nel III sec. a.C. da Ierone II, nell'ambito del suo programma di sistemazione della Neapolis secondo i principi dell'architettura ellenistica del tempo. Scolpito nella roccia del colle Temenite, il teatro presenta una cavea di grandissime dimensioni, con 67 ordini di gradini, divisa, in senso verticale, in nove cunei da otto file di scalette e, in senso orizzontale, da un ampio corridoio (diázoma). La parete a monte di tale diázoma, reca incise delle iscrizioni in greco. Al centro è il nome di Zeus Olimpio; ad est erano i nomi di divinità non più leggibili; ad ovest erano i nomi dei membri della famiglia di Ierone. Si leggono ancora chiaramente i nomi di Nereide, moglie di Gelone II, figlio di Ierone II, e di Filistide, moglie di Ierone II. In epoca imperiale romana il teatro subì profondi mutamenti per rispondere alle esigenze degli spettacoli e doveva avere un apparato scenico monumentale grandioso e complesso. I lavori dell’ultima fase del teatro si possono datare al V secolo d.C. Ad opera di Ierone II, fu realizzato un grandioso portico ad L sulla terrazza sopra il teatro, davanti alla grotta dove sgorga un ramo dell’acquedotto Galermi. La grotta, esternamente, presenta due nicchie ed un fregio dorico. Questo complesso è stato identificato come il Mouseion, sede della corporazione degli attori. Orecchio di Dionisio Nel lato occidentale della Latomia del Paradiso è il famoso “ Orecchio di Dionisio “. Dalla particolare forma ad esse, alta 23 metri, è una grotta artificiale, caratterizzata da un’eco eccezionale, che deve il suo nome al famoso pittore Caravaggio che collegò la forma della grotta, che ricorda il padiglione auricolare, e la sua qualità acustica al tiranno Dionisio. Egli poteva così ascoltare le parole dei suoi prigionieri, grazie alla particolare eco del luogo. La grotta, molto famosa già nel ‘700, è stata riprodotta nelle raffigurazioni dei viaggiatori famosi del Grand Tour. Grotta dei Cordari La Grotta dei Cordari è situata in prossimità dell'Orecchio di Dionisio. E’ così chiamata proprio perché qui a partire dal XVII sec, gli artigiani lavoravano le fibre naturali e realizzavano, secondo vecchie tradizioni, corde di ogni tipo, favoriti dalla naturale umidità del luogo. Questa tradizione si è estinta solo pochi decenni fa. Anfiteatro Romano A completamento del percorso di visita della Neapolis è l’Anfiteatro romano, tra i più grandi esistenti ed il più grande della Sicilia, monumento tipicamente romano in una città dalla fortissima impronta greca. E’ in gran parte scavato nella roccia e di tutta la parte superiore, costruita, non resta quasi nulla. La cavea ellittica è su tre livelli con un portico soprastante. Un sistema complesso di aperture consentiva il rapido flusso degli spettatori. Un corridoio parallelo all’arena ha delle aperture che consentivano l’accesso ai gladiatori ed agli animali per gli spettacoli. Al centro di essa è un ampio sotterraneo utilizzato per macchinari. L’anfiteatro aveva due ingressi principali, del quale quello meridionale era monumentalizzato da un complesso sistema di scale. La datazione di questo edificio è piuttosto controversa, ma gli studi più recenti lo inquadrano cronologicamente in età augustea, con modifiche in età successive. Ara di Ierone L'Ara di Ierone II è il grandioso altare costruito dall’ultimo dei grandi ed illuminati tiranni di Siracusa. Lunga circa 198 metri e largo oltre 20, ne rimane la parte scavata nella roccia. Si accedeva al piano della mensa, dove avvenivano i sacrifici, attraverso due rampe decorate da due coppie di telamoni. Davanti, era un portico colonnato ed un propileo di accesso, considerato di età augustea ma che recentemente è stato datato al III a.C. L’altare era dedicato a Zeus Eleutherios; le feste celebrative prevedevano il sacrificio di ben 450 tori. Latomie In questo percorso culturale all’interno del Parco Archeologico della Neapolis, non viene a mancare l’aspetto bucolico, che permette agli amanti della natura di godere della suggestiva vegetazione nell’area della Latomia del Paradiso, adiacente al teatro e la più occidentale del complesso delle latomie che cingevano l’antica città. Le latomie erano in antico delle cave per l’estrazione della pietra ma diventavano anche prigioni. Presenta una lussureggiante vegetazione, ricca di alberi di limoni ed aranci, capperi, palme e fichi d’india, ed è oggi luogo incantato e di straordinaria bellezza.

Escursioni Ortigia Siracusa

siracusa

Nucleo originario e centro storico della città, Ortigia rappresenta oggi la parte più affascinante e suggestiva di Siracusa a cui è collegata da tre ponti. Sin dai tempi più antichi, l’isola venne considerata un luogo adatto agli insediamenti in quanto ricca di sorgenti, come la Fonte Aretusa. In questa fonte, che si trova a pochi metri dal mare, cresce un papireto spontaneo, l’unico in Europa insieme a quello di Fiume Fiumefreddo. I primi nuclei abitativi risalgono all’età del bronzo, ma fu durante l’epoca greca che l’isola divenne il centro religioso e politico dell’antica città di Siracusa con la costruzione di numerosi templi.Tra i maggiori monumenti di epoca greca spicca il Tempio di Apollo, unico tempio dorico di tutta la Sicilia, risalente agli inizi del VI secolo a.C. Proseguendo verso il cuore dell’isola si giunge alla splendida Piazza Duomo, dove palazzi barocchi dalle pareti chiare si affacciano su una strada bianca lastricata, dando al visitatore la sensazione di essere immerso in un quadro di luce e armonia. Tra i palazzi troneggia il maestoso Duomo, costruito in stile tardo barocco sui resti dell’antico Tempio di Atena. All’estremità dell’isola, infine, sorge il Castello Maniace, una fortificazione di difesa voluta da Giorgio Maniace nel 1038, che divenne poi dimora di Federico II di Svevia e subì numerose modifiche nel corso degli anni. Visitare Ortigia vuol dire anche perdersi tra le sue stradine, visitare i numerosi negozietti e immergersi tra i sapori e i colori dell’antico mercato, tappa imperdibile per chi vuole assaporare fino in fondo la tipica atmosfera siciliana. La sera il quartiere si anima grazie a locali, pub e ristoranti sparsi tra le sue antiche viuzze. Monumenti d’interesse Duomo di Siracusa Chiesa di San Giovannello, Chiesa di San Martino Chiesa di Santa Lucia alla Badia Chiesa dello Spirito Santo Chiesa di San Cristoforo Chiesa di San Filippo apostolo Chiesa di San Filippo Neri Chiesa di San Francesco all'Immacolata Chiesa di San Giorgio ai Miracoli Chiesa di San Giuseppe Chiesa di San Paolo apostolo Chiesa di Santa Maria della Concezione Tempio di Apollo Tempio di Atena Tempio di Artemide Palazzo del Vermexio Palazzo Beneventano del Bosco Palazzo Arezzo della Targia Palazzo dei Mergulensi-Montalto Palazzo Arcivescovile Palazzo Chiaramonte Palazzo Bongiovanni Palazzo Impellizzeri Palazzo Montalto Palazzo Lanza Bucceri Palazzo Greco Palazzo Borgia del Casale Palazzo Zumbo Palazzo Steri Magno Palazzo Bufardeci Palazzo delle poste Palazzo Gargallo Palazzo della Sovrintendenza ai Beni Culturali della Provincia di Siracusa Castello Maniace Castello Marieth Antico Mercato Fontana di Artemide Fonte Aretusa Fontana di Diana Fontana degli Schiavi Piazza Archimede Piazza Duomo Porta Urbica Porta Marina Ponte Umbertino

Contattami su WhatsApp

Cell. +39 351 919 5708

Cell. +39 360 408 513

info@nccautoservizisiracusa.it

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder